FtseMib: primi eccessi di breve

Dicembre 2018, come sapete, è stato  un mese terribile per tutti i principali mercati azionari mondiali, addirittura per l’S&P500 il peggiore dal 1931. Anche i primi giorni di questo nuovo anno erano partiti con una certa negatività, tuttavia la tendenza dell’equity mondiale si è velocemente girata al rialzo e per ora, le indicazioni di breve, restano supportive.

Sebbene le tendenze di medio periodo dei principali indici siano ancora negative, abbiamo indicazioni positive almeno per i primi mesi di questo nuovo anno, vediamone alcune:

Analizzando i principali indicatori economici e tecnici riferiti ai due top precedenti i  rispettivi  bear market storici degli ultimi decenni, ovvero 2000 e 2007, notiamo facilmente dalla checklist seguente (Fonte Citi Research), che l’attuale situazione  economica non è assolutamente paragonabile agli eccessi raggiunti nei due precedenti top di mercato.

Aggiungiamo che le statistiche (vedasi chart seguente fonte Barclays) sui fondi a livello mondiale, ci dicono che vi sono state eccezionali uscite sia dai fondi equity sia dai fondi bond a favore dei fondi monetari. Dal 2010, i precedenti 5 estremi simili alla situazione attuale, hanno sempre portato a distanza di tre e sei mesi, mercati azionari sempre più alti rispetto ai minimi verificati sugli estremi di liquidità.


Spostando l’attenzione al nostro FtseMib, segnaliamo un importante target negativo raggiunto e guarda caso da lì l’indice ha ricominciato una salita significativa. Le indicazioni di breve sono ancora positive e sebbene alcuni indicatori di ampiezza siano ritornati in area di ipercomprato (quindi attenzione al pullback negativo per le prossime sedute), vediamo ulteriori possibili incrementi positivi per le prossime settimane, con primi target rialzisti a 19.600 ed a seguire 20.000, livello discriminante per una nuova positività  di medio periodo.

Ricordiamo inoltre che il nostro trading system di breve sul FtseMib Future è ancora long con stop profit da alzare a quota 18.850.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *