Monthly Archives: dicembre 2017

Facciamo profitto

L’anno si sta per chiudere con ottime performance per tutti gli indici azionari mondiali ed anche per il nostro portafoglio Buy&Sell a Rischio Contenuto. Ricordiamo che la logica di questo portafoglio è alternativa a tutti gli altri portafogli: si entra su un certo titolo con già in macchina uno stop loss pre determinato, si ha così pre deal l’idea del rischio-rendimento di una certa operazione con l’obiettivo di evitare perdite… Read Article →

Portafoglio Modello per il 2018: importanti novità!

L’anno è arrivato al termine ed è giunta l’ora di aggiornare il nostro portafoglio dedicato al Buon Padre di Famiglia. Chi ha avuto la pazienza e la costanza di seguire le nostre indicazione di ideale asset allocation, dovrebbe avere incassato performance ragguardevoli. Fra i migliori indici presenti nel portafoglio segnaliamo il segmento Pir (Piani di Risparmio) in progresso da inizio anno del 35%, ma molto bene hanno fatto anche le… Read Article →

Giornata incolore: pochi spunti ma buoni

La giornata è stata, come da previsioni, pressoché festiva e con pochi ma importanti spunti. In primis la Cina con un Beige book  con indicazioni di rallentamento economico oltre le attese e con tassi a tre mesi in netta salita, elemento che  potrebbe dare –vedere estate 2015- tensione ai mercati azionari ed infatti i mercati cinesi hanno chiuso la sessione con diffusa negatività. A seguire altri due elementi importanti: Petrolio… Read Article →

Us tax reform: è fatta! Quali titoli acquistare?

Trump c’è riuscito, la riforma fiscale è passata al congresso ed ora manca sola la mera formalità della firma del presidente per essere legge. Sarà una riforma davvero storica poiché modifica, in modo inedito, il regime fiscale americano. In una riga possiamo dire che sarà una riforma assolutamente favorevole ai più abbienti, ma vediamola un po’ più da vicino evidenziando i punti principali Dal 2018 l’aliquota sull’imposta sui redditi d’impresa passerà… Read Article →

Una materia prima interessante

Per i non addetti ai lavori segnaliamo che una delle migliori materie prime, come performance a 10 giorni (+6%), è attualmente il Rame. Questa importante performance del Copper è dovuta agli scioperi  Chileni. Secondo notizie di stampa, il Chile dovrà da gennaio negoziare importanti contratti con ben 32 sindacati del settore minerario, trattativa che si preannuncia lunga e dolorosa. Ricordiamo che il Chile vanta 1/5 della produzione mondiale di Copper e che la negoziazione… Read Article →

Dax: ci siamo!

La giornata odierna era partita proprio bene, con indici europei già con indicazioni positive pre apertura grazie sia all’upgrade da parte di Fitch sul Portogallo ( da BB+ a BBB), sia alla riforma fiscale di Trump oramai molto vicino all’approvazione. Ultimo ma non ultimo, da oggi è terminato l’effetto delle scadenze tecniche sui derivati e quindi, con gli operatori istituzionali (probabilmente diventati un po’ troppo ribassisti ultimamente) praticamente in ferie,… Read Article →

Calendario macro della settimana: pochi dati davvero importanti, tranne uno.

Settimana con pochi dati economici veramente significativi, tuttavia si segnalano come particolarmente importanti le votazioni, negli Usa, per la riforma fiscale. Riteniamo che il mercato non abbia ancora scontato a pieno l’approvazione della stessa e che quindi, una eventuale votazione ed approvazione definitiva e favorevole, darà il via all’ultima onda impulsiva per gli indici Us. Di seguito la tabella con i principali appuntamenti macro della settimana.

Weekly Technical Report

Analizziamo di seguito, dal punto di vista prettamente grafico, il FtseMib40 ed il Dax e cerchiamo di rispondere alla domanda della settimana: rally di Natale addio o solo rimandato? Prima di partire con lo studio dei grafici dei due indici, partiamo con l’analisi della forza relativa dei principali indici azionari mondiali rispetto al noto MSCI World. Come potete vedere dal grafico seguente Nikkey e Dow Jones resta ancora nel quadrante… Read Article →

Meeting Bce: Tutto come previsto

E’ appena terminata la mensile riunione della Banca Centrale Europea e nel complesso possiamo asserire che sia stato un non event. Draghi ha confermato che il programma di QE potrebbe essere aumentato ( in ammontare o durata) se le prospettive economiche peggiorassero, ed ha inoltre riaffermato che i tassi rimarranno bassi per molto tempo. La crescita economica è vista al rialzo, ma l’inflazione ancora non è arrivata a target. L’unica vera… Read Article →

Banche: perché tanta negatività?

  La borsa Milano chiude la seduta odierna in netto calo a causa del settore bancario, tutto in negativo, con Bper banca fra le peggiori con addirittura un -6,3%. Come mai tanta negatività? Qualche commentatore, visto lo spread in allargamento a 146, ha imputato la negatività odierna alla news sulle elezioni anticipate in Italia. Riteniamo questa interpretazione una sciocchezza! Le banche oggi sono calate solo per un motivo: Unicredit! Ieri… Read Article →